Sigari e famiglia.
Da 1 a 500.000.000 in 90 anni.

19
26
-
65

IL PRIMO SIGARO.
Grazie, Maurits.

Nel 1926, il padre fondatore dell'azienda, Maurits Vandermarliere, iniziò a produrre sigari nel solaio sopra il suo negozio di sigari a Moen, in Belgio. Nel 1936, aprì una piccola manifattura di sigari in un paese vicino, Heestert, poiché la domanda era aumentata troppo per la linea di produzione nel solaio. Inizialmente Maurits aveva lavorato come sacrestano, ma la decisione di offrire alla gente il piacere del fumo si dimostrò vincente.

Tante Lou
parla dell'espansione nel solaio...

Play Film
The Vandermarliere family in 1955
La famiglia Vandermarliere nel 1955.
19
65
-
79

LA SECONDA GENERAZIONE.
GUIDO ENTRA IN AZIENDA.

Maurits e Angèle ebbero 8 figli. Quattro di loro (Marcel, William, Frans e Guido) insieme a un genero (Raphaël Vercruysse) entrarono in J. Cortès, che allora si chiamava Ets. Vandermarliere NV. Nel 1965, entrò in azienda anche il figlio più giovane, Guido. A lui fu affidata la guida dell'ufficio esportazioni e lui contribuì alla rapida ascesa dell'azienda.

Fondamentale per l'azienda fu l'acquisizione delle manifatture Neos Cigar e TAF, rispettivamente nel 1975 e 1979, che rese la famiglia proprietaria del marchio J. Cortès e fece crescere esponenzialmente la produzione. Inoltre, vale la pena ricordare che fu Guido a scegliere il blu come colore del marchio J. Cortès. Era un omaggio alla Costa Azzurra e strizzava l'occhio allo stile di vita del jet set e si è dimostrata un'efficace mossa di marketing.

Guido Vandermarliere
parla dell'espansione dell'impresa familiare.

Play Film
1981
-
2011

LA TERZA MANIFATTURA.
ALLA CONQUISTA DEL MONDO.

Sotto la direzione di Guido, l'azienda decise di sfondare a livello internazionale. Nel 1986, J.Cortès aprì la fabbrica UTP (United Tobacco Processing Ltd), a Katunayake, in Sri Lanka. J. Cortès trasferì la sede centrale a Zwevegem-Moen, dove occupa un edificio di prestigio. Il futuro dell'azienda si prospettava roseo, con quasi 2.000 dipendenti in tutto il mondo, vari marchi commercializzati in 80 Paesi e un forte team commerciale interno, focalizzato sui principali mercati europei.

20
05
-
...

IL QUARTO CAPITOLO.
ARRIVA FRED.

Entra nella società l'ultima generazione, rappresentata dal figlio di Guido, Frederik. Come suo padre, Frederik gestisce l'azienda con passione, abilità, modestia e una mentalità che coniuga impegno e divertimento. Ma Guido non è mai molto lontano, sempre disponibile a consigliare o a dare una mano.

Avvolto nelle foglie di tabacco fin dalla nascita, Fred continua a battersi per il settore, in perfetto stile Cortés. Il suo motto è:
Non limitatevi a fumarli, assaporateli!

Nel 2016 Fredje s'innamorò dell'azienda di sigari artigianali Oliva Cigars, con sede negli Stati Uniti e in Nicaragua. Ne nacque un matrimonio commerciale destinato a divenire la partnership dell'anno. L'azienda familiare Cortès ora si estende su due continenti. Scopri l'affascinante mondo di Oliva Cigars, famosa per i suoi sigari artigianali.

Created by Cnocspot | Coded by Brik

© 2017 J. Cortès | Disclaimer | Cookie Policy